• Soweto: la foto che ha cambiato la storia del Sudafrica

    7 APR 2024 · Soweto è una township nella periferia di Johannesburg, negli anni '70 è stata teatro di una protesta studentesca repressa con la forza dalla polizia dell'apartheid. Quel giorno un poliziotto ha sparato tra la folla, ad altezza uomo, e ha colpito un ragazzino di 13 anni, Hector Pieterson. Da quell'istante seguono momenti concitati, di violenza, di dolore e di disperazione. Uno di questi momenti viene catturato in una fotografia che fa il giro del mondo e che fa aprire gli occhi alla comunità internazionale sulla brutalità dell'apartheid, grazie a quell'immagine inizia il lento disgregarsi della segregazione razziale in Sudafrica. La pubblicazione di quella fotografia cambia radicalmente anche la vita dei suoi protagonisti, davanti e dietro l'obiettivo: una studentessa quindicenne, un ragazzo di 18 anni e un foto-reporter.
    19 min. 9 sec.
  • Sri Lanka: il nuovo sapore del tè

    4 FEB 2024 · Come spesso succede in Asia, una sola famiglia si è spartita le cariche governative di primo piano della politica cingalese. Sono i Rajapaksa, che con enormi progetti infrastrutturali e un livello di debito impossibile da sostenere hanno contribuito all'insolvenza dello Sri Lanka. Il default del maggio 2022 ha aggravato la peggiore crisi economica del Paese da quando è diventato indipendente. Medicine e carburante scarseggiano perchè nelle casse dello stato non c'è valuta estera per pagare le importazioni. La crisi ha alterato il gusto del tè, la bevanda più diffusa sull'isola e un simbolo dello Sri Lanka. Qui tutti sono abituati a berlo dolce, cremoso e addensato con il latte in polvere. Il prezzo di questo prodotto però è schizzato, rendendo impossibile per molti permettersi una tazza di quel tè che li riporta alla loro infanzia.
    14 min.
  • Isole Spratly: la base militare filippina a bordo di un relitto

    8 DIC 2023 · Il Mar Cinese Meridionale è il teatro di rivendicazioni territoriali, arcipelaghi contesi, isole artificiali e azioni intimidatorie incrociate da parte dei Paesi che ci si affacciano. La Cina reputa di suo dominio l'80% di questo mare senza considerare la sovranità delle acque territoriali degli altri Stati. Su un atollo delle isole Spratly, alla fine degli anni '90, le Filippine hanno affondato di proposito una nave da guerra, un avamposto per arginare l'espansionismo cinese. Oggi questo relitto è adagiato sul reef dell'Ayungin Shoal, lentamente la ruggine e la salsedine lo stanno sgretolando, ma una manciata di soldati continua a vivere su questa base militare insolita senza sapere con precisione quanto tempo dovranno rimanerci.
    14 min. 45 sec.
  • Pingelap: l'isola senza colori

    5 NOV 2023 · In Micronesia c'è un atollo grande meno di due kilometri quadrati, Pingelap, l' "isola dei senza colore". Molti dei 250 abitanti di quest'isola corallina non possono ammirare i meravigliosi colori delle acque cristalline dell'oceano. Soffrono infatti di un raro difetto genetico, l'acromatopsia, che impedisce di vedere qualunque colore. Normalmente l'incidenza di questa malattia è di una persona su 33.000, ma a Pingelap colpisce il 10% degli abitanti. E la radice di questa maledizione genetica risale a 250 anni fa, quando un tifone devastò questa piccola isola dell'Oceano Pacifico centrale.
    7 min. 41 sec.
  • Pamir: il confine galleggiante sul tetto del mondo

    11 SET 2023 · Il confine tra Tajikistan e Afghanistan è segnato dal fiume Panj e dal tracciato polveroso della Pamir Highway. Fino al 2021 era relativamente facile attraversare questo confine galleggiante, ma da quando i talebani hanno ripreso il potere tutto è cambiato. Ora lo attraversano per lo più afghani disperati e l’eroina. La regione montuosa del Pamir, chiamato anche “il tetto del mondo”, oggi è in una fase molto delicata. Le sue risorse naturali fanno gola a tanti e il governo del Tajikistan vuole fare piazza pulita di ogni movimento indipendentista e di ogni sacca di dissenso per avere campo libero. Il popolo pamiri ha sempre difeso con orgoglio la sua cultura e le sue tradizioni, anche se negli ultimi mesi ha subito una brutale repressione.
    14 min. 16 sec.
  • Darien: la foresta più pericolosa al mondo tra Panama e Colombia

    2 LUG 2023 · Il Darien è la fitta giungla che si estende al confine tra Panama e Colombia. È un ambiente inabitabile e quasi impossibile da attraversare che molti reputano la foresta più pericolosa del mondo. Persino la Panamericana, la leggendaria strada che collega gli antipodi del continente americano, si interrompe di fronte a questa giungla. In qualche modo anche l’unificazione della Scozia al Regno Unito ha a che vedere con l’inospitalità del Darien. Oggi il Darien è attraversato da migliaia di migranti che arrivano in Sudamerica da tutte le parti del mondo e tentano di superare il confine tra Panama e Colombia verso nord. Le difficoltà sono enormi: animali velenosi, trafficanti di stupefacenti, fiumi pieni di alligatori, tratti in barca di notte a luci spente. Ma è anche un passaggio obbligato, un collo di bottiglia, per tutti i migranti che cercano di raggiungere a piedi gli Stati Uniti.
    18 min. 20 sec.
  • Sahara: il festival del cinema tra le dune del deserto

    31 MAR 2023 · “Wanibik: The people who live in front of their land” è il film che ha vinto nel 2022 il FiSahara, il festival del cinema che si svolge tra le dune del deserto e che racconta come la popolazione dei Saharawi vive da decenni in campi profughi, di fronte alla terra che chiamano casa. Un muro di fango di oltre 2700 km, infatti, divide il territorio conteso del Sahara occidentale da nord a sud: da una parte ci sono le truppe marocchine e dall’altra i combattenti del Fronte Polisario, il movimento di liberazione dei Saharawi. Questo popolo dagli anni Settanta rivendica la propria autodeterminazione e la sovranità sul territorio del Sahara Occidentale, nell’attesa di un referendum promesso dall’Onu.
    13 min. 22 sec.
  • Giappone: la fattoria in mezzo a un aeroporto

    17 GEN 2023 · Quello di Narita a Tokyo è uno degli aeroporti più trafficati del mondo e serve una metropoli da 35 milioni di abitanti. Tra le piste di questo aeroporto c'è una piccola fattoria di 3 ettari e mezzo e il suo proprietario, Takao Shito, caparbiamente si rifiuta di andarsene nonostante cospicui risarcimenti e avvisi di sfratto. Takao ha ereditato la battaglia di suo padre Toshio e la loro storia è l'ultimo atto della rivolta del villaggio di Sanrizuka. Una rivolta che negli anni sessanta e settanta ha visto migliaia di giapponesi battersi contro la costruzione dell'aeroporto di Narita, tra atti di sabotaggio, proteste di massa e persino la conquista della torre di controllo.
    15 min. 9 sec.
  • Brasile: la febbre del potassio

    27 SET 2022 · Arrivando ad Autazes, nel cuore dell'Amazzonia brasiliana, si legge un cartello: "Terra di latte e potassio". Il potassio è un minerale alla base di molti fertilizzanti. E proprio contro un grande progetto di estrazione di potassio, che cambierebbe per sempre questo luogo dal punto di vista ambientale e sociale, si batte da anni la popolazione indigena dei Mura che vive in questa zona del Brasile. Oggi il Brasile vive una febbre di potassio e di altri fertilizzanti come riverbero lontano dell'invasione russa in Ucraina. Prima della guerra, la Russia esportava milioni di tonnellate di fertilizzanti in tutto il mondo. Il Brasile è totalmente dipendente dalle importazioni di questo prodotto e senza i fertilizzanti l'enorme comparto agricolo brasiliano rischia di fermarsi.
    17 min. 7 sec.
  • Sápmi: la nuova cortina di ghiaccio

    13 SET 2022 · Sápmi è la terra dell'ultimo popolo indigeno d'Europa, quella parte di Scandinavia che abbiamo sempre chiamato Lapponia. Il popolo che la abita, quello dei Sami, si è sempre mosso liberamente tra le frontiere di Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia. Lo hanno potuto fare fino alla nascita dell'URSS, quando i Sami hanno cominciato a essere visti con sospetto dalle autorità sovietiche; erano accusati di finte cospirazioni al limite del credibile. Negli ultimi 30 anni le cose sono cambiate in meglio, ma il domino provocato dall'invasione russa dell'Ucraina ha interrotto tutto: ora il confine tra Norvegia, Finlandia e Svezia da una parte e Russia dall'altra si sta nuovamente sigillando, creando una nuova cortina di ghiaccio in Europa.
    12 min. 15 sec.

World Log è un podcast pensato come un diario. Ogni episodio è la pagina di questo diario che vi porta in luoghi remoti o poco conosciuti del mondo e vi...

mostra di più
World Log è un podcast pensato come un diario. Ogni episodio è la pagina di questo diario che vi porta in luoghi remoti o poco conosciuti del mondo e vi racconta le storie di persone che si intrecciano con i fenomeni del nostro tempo o gli eventi del recente passato.
mostra meno
Contatti
Informazioni

Sembra che non tu non abbia alcun episodio attivo

Sfoglia il catalogo di Spreaker per scoprire nuovi contenuti

Corrente

Sembra che non ci sia nessun episodio nella tua coda

Sfoglia il catalogo di Spreaker per scoprire nuovi contenuti

Successivo

Copertina dell'episodio Copertina dell'episodio

Che silenzio che c’è...

È tempo di scoprire nuovi episodi!

Scopri
La tua Libreria
Cerca