Un voto che non si conclude, come l’ebollizione congolese

28 dic 2023 · 21 min. 57 sec.
Un voto che non si conclude, come l’ebollizione congolese
Descrizione

https://ogzero.org/regione/grandi-laghi-africani/ Una settimana fa si sono svolte le elezioni e il giorno in cui chiudevano forse tutte le urne – e alcune erano state devastate prima dell'apertura – abbiamo registrato...

mostra di più
https://ogzero.org/regione/grandi-laghi-africani/

Una settimana fa si sono svolte le elezioni e il giorno in cui chiudevano forse tutte le urne – e alcune erano state devastate prima dell'apertura – abbiamo registrato questo preciso e informato parere di Giovanni Gugg... eppure non si sa ancora nulla di preciso, se non alcune reazioni esasperate per i consueti brogli, le violenze della polizia... un 27 dicembre non di tutto riposo per i giochi di potere se si approfondisce il dato sugli scontri del 27.
Le elezioni congolesi 2023 sono interessanti non tanto per il risultato scontato e che ancora a una settimana dall'apertura delle urne non si conosce, quanto perché contribuiscono a fornire il quadro delle pulsioni e delle divisioni interne ed esterne all'enorme territorio difficilmente controllabile da Kinshasa; i molti candidati sono eterogenei, ma non riescono a coagulare attorno a loro un consenso generale da intaccare il sistema di potere di Tsisekedi. Tranne a posteriori, unanimi a condannare i brogli e la organizzazione delle votazioni; questo già prima era uno dei motivi del contendere, tanto che alcuni comitati elettorali trovavano sede fuori dai confini congolesi, a dimostrazione di come attorno al corpaccio nazionale gli interessi dei vicini (Uganda, Ruanda, Kenya...) sono così invasivi da dare ospitalità a un candidato legato all'M23... Le difficoltà sono enormi e la disorganizzazione ha dato luogo a vandalismo in certe zone che sono estromesse dalla partecipazione (Ituri e Kivu, tutta la zona nordorientale con le tensioni rinfocolate da Ruanda e Uganda). E va considerato anche il ruolo regionale della Tanzania, che ha sbocchi e aperture autonome verso l'Asia che conta efunge da contraltare positivo alle difficoltà del Congo, che ha più chance scegliendo la costa atlantica, attraverso l'Angola.
Bisogna considerare le centinaia di milizie, ma anche le intromissioni dei paesi vicini, però queste tensioni esterne si riverberano nella società interna, nella frammentazione religiosa, nel rifuggire da schieramenti dei musicisti di riferimento.
I candidati erano 24, apparentemente grande fermento, ma senza reale entusiasmo, se non per quello che rappresenta il dietro le quinte che è il vero paese, che in un gioco di specchi restituisce una rappresentanza attraverso questi 22+2(uccisi). Compresi i gruppi alternativi de la Lucha a Goma che rappresentano davvero istanze condivise, ma distanti dalla possibilità di entrare nei giochi di potere (per fortuna, forse).
mostra meno
Informazioni
Autore OGzero - Orizzonti geopolitici
Organizzazione OGzero - Orizzonti geopolitici
Sito -
Tag

Sembra che non tu non abbia alcun episodio attivo

Sfoglia il catalogo di Spreaker per scoprire nuovi contenuti

Corrente

Copertina del podcast

Sembra che non ci sia nessun episodio nella tua coda

Sfoglia il catalogo di Spreaker per scoprire nuovi contenuti

Successivo

Copertina dell'episodio Copertina dell'episodio

Che silenzio che c’è...

È tempo di scoprire nuovi episodi!

Scopri
La tua Libreria
Cerca