• #26. Un panino imbottito di marmo: la storia di Meret Oppenheim

    23 MAG 2024 · Meret Oppenheim (6 ottobre 1913, Berlino - 15 novembre 1985, Basilea) è stata un’artista incredibile che non ha mai voluto che venisse ricordata come modella, musa o men che meno insegna del Surrealismo. Tuttavia, ancora ad oggi, la storia ufficiale la racconta come la musa di Man Ray, di Max Ernst, di Marcel Duchamp, di Alberto Giacometti o di Renè Magritte, quando invece ha saputo affermarsi nel contesto prevalentemente maschile del surrealismo e sviluppare una ricerca coerente con la sua persona: complessa, profonda e anticonformista. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    13 min. 25 sec.
  • #25. L'arte può far ridere?: dialogo con Simone Nigiotti (@ready_meme.exe)

    9 MAG 2024 · Se Marcel Duchamp fosse nostro contemporaneo, non ci sorprenderebbe se presentasse il suo famoso “orinatoio”  (Fontana, 1917) sotto forma di… meme: un fenomeno virale (immagine, video, testo) dal contenuto ironico, irriverente e imprevedibile. << Il meme come nuova wave del Dada - così l’ha definito l’ospite di oggi, Simone Nigiotti, creatore del profilo Instagram da quasi 25 mila followers https://www.instagram.com/ready_meme.exe?igsh=ZXUzZWM5bWh0bGlphttps://www.instagram.com/ready_meme.exe?igsh=ZXUzZWM5bWh0bGlp - la summa perfetta di immediatezza e impatto visivo >>. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    24 min. 9 sec.
  • #24. Femminismi contro: dialogo con Elvira Vannini

    25 APR 2024 · Femminismi contro: Pratiche artistiche e cartografie di genere (2023, Meltemi Editore) è un insieme di otto saggi di artiste, critiche e curatrici accumunate dal loro legame tra arte, cultura e politica che, uniti, scandiscono una narrazione contro-egemonica dell’arte. A raccontarcelo è Elvira Vannini, storica dell’arte, critica d’arte, curatrice indipendente, docente alla NABA di Milano, fondatrice del blog/magazine HOT POTATOES e curatrice dell’antologia. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    20 min. 36 sec.
  • #23. Carla Accardi: la mostra al Palazzo Esposizioni

    11 APR 2024 · Sperimentatrice, ricercatrice, militante femminista e una delle prime artiste astrattiste italiane: questo e molto altro è stata Carla Accardi (9 ottobre 1924, Trapani - 23 febbraio 2014, Roma), figura cardine dell’arte del Novecento. Questo episodio è dedicato alla sua lunghissima carriera artistica - durata circa sessant’anni - con particolare attenzione al rapporto tra arte e femminismo (per il quale ha chiuso i rapporti con Carla Lonzi) e alla sua sperimentazione artistica. Vi ricordo che la mostra a lei dedicata al Palazzo Esposizioni a Roma è visitabile fino al 9 giugno 2024! Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    18 min. 45 sec.
  • #22. L'irrazionalità dell’effimero: il ghiaccio nell’arte

    28 MAR 2024 · Il ghiaccio attraversa l’ecologia, il femminile e il femminismo, la politica, fino ad arrivare alla poesia: l’inevitabilità del suo scioglimento ci riconduce alla fragilità e alla transitorietà della nostra vita, alla mortalità del nostro essere. In questo episodio vedremo degli esempi di artisti - David Hammons, Francis Alÿs, Paul Kos, Nèle Azevedo, Ólafur Elíasson, Kirsten Justesen e Gloria Camiruaga - che, con la loro arte, hanno concretizzato questo discorso, rovesciando la monumentalità e la solidità del ghiaccio in favore della sua contraddittoria effimerità e della sua ampia simbologia. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    14 min. 58 sec.
  • #21. Caso Ana Mendieta: suicidio o femminicidio?

    14 MAR 2024 · All’improvviso il tonfo. Durante la notte dell’8 settembre 1985, qualcosa precipita dal 34° piano di un palazzo nel Greenwich Village, a New York: è il corpo di Ana Mendieta, artista femminista di origini cubane. Ad avvisare le autorità è stato il marito, anche lui artista, Carl Andre. Unico sospettato della sua morte, Andre verrà processato e poi assolto nel 1988 per insufficienza di prove. Suicidio o femminicidio? Nonostante una sentenza definitiva, l’enigma rimane tutt’oggi ancora aperto, lasciando nel pensiero collettivo diversi dubbi (e tanta rabbia) ancora in sospeso. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    16 min. 9 sec.
  • #20. Behind the Iron Curtain: l’arte di confine dell’Europa dell’Est

    29 FEB 2024 · Ciò che divideva l’Europa in blocchi (occidentale e orientale) - prima della Caduta del Muro di Berlino - era la Cortina di ferro: linea di divisione e di confine. Tuttavia, il confine oltre che “frontiera”, era anche limite, soglia: luogo sì di separazione, ma anche di riflessione e immaginazione. Dietro la cortina di ferro, gli artisti tematizzavano il confine, rendendolo tangibile nelle loro opere. Per le artiste, inoltre, il confine trattato aveva una connotazione differente: non era solo politico, ma soprattutto sociale, culturale ed esistenziale. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    14 min. 33 sec.
  • #19. Ewa Partum e Magdalena Abakanowicz: il corpo nella sfera pubblica della Polonia socialista

    15 FEB 2024 · Ewa Partum (1945, Grodzisk Mazowiecki, Polonia) e Magdalena Abakanowicz (20 giugno 1930, Falenty, Polonia - 20 aprile 2017, Varsavia, Polonia) sono due artiste polacche che, oltre al paese d’origine, hanno apparentemente ben poco in comune: la prima è considerata tutt’oggi una delle più grandi pioniere dell’arte femminista dell’Europa dell’est mentre, la seconda, un’importante artista installativa che, al contrario, mai si è voluta definire femminista. In realtà qualcosa in comune ce l’hanno e nell’episodio di oggi cercheremo di approfondirlo: seppur in modo differente, nei lavori di entrambe emerge la tematica del corpo, inteso come elemento rappresentativo dei valori di una Polonia devastata e sconvolta non solo dalla Seconda guerra mondiale ma anche dalla rivoluzione comunista (che ha portato a circa quarantacinque anni di regime). Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    16 min. 24 sec.
  • #18. Milli Gandini e il gruppo Immagine: dialogo con Manuela Gandini


    1 FEB 2024 · “Artista, gallerista, femminista, agitatrice culturale”: è così che Manuela Gandini descrive sua madre, Milli Gandini (1941-2017), fondatrice del gruppo femminista Immagine di Varese. In questo episodio, Manuela ci permette di ripercorrere alcuni aspetti della vita dell'artista: a partire dalla sua adolescenza, che coincide con la scelta - poi all’ultimo abbandonata - di farsi suora; al momento in cui si avvicina al femminismo; fino ad arrivare alla sua iconica performance “La mamma è uscita” in cui deliberatamente smette di pulire, di cucinare, di prendersi cura della casa e della famiglia. Chiama poi Mirella Tognola - un’altra artista del gruppo - che, nella polvere sedimentata sui mobili, traccia con il dito la scritta “salario al lavoro domestico” e il simbolo femminista creando, come direbbe Manuela, dei << graffiti interni, non urbani, graffiti familiari >>. Un’arte-arma quella di Milli Gandini: sovversiva, arrabbiata e ribelle. Un’arte che, anche quarant’anni più tardi, non perde la sua energia né tantomeno la sua freschezza. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    30 min. 8 sec.
  • #17. VALIE EXPORT si scrive tutto in maiuscolo

    18 GEN 2024 · VALIE EXPORT (17 maggio 1940, Linz, Austria) si scrive tutto in maiuscolo. E questo non vale solo per il suo nome, ma anche per la sua persona: un’artista sfrontata, provocatoria, ribelle e controcorrente fin da bambina. All’età di 27 anni deciderà di cambiare all’anagrafe il suo nome di battesimo (Waltraud Lehner) in VALIE EXPORT: slegandosi così non solo dal cognome del padre - Lehner, appunto - ma anche da quello dell’ex marito - Hollinger - che aveva sposato all’età di 18 anni e dal quale aveva avuto una figlia. Libera, indipendente e slegata dalle imposizioni sociali maschiliste, VALIE EXPORT inizia la sua carriera d’artista, facendosi coraggiosamente strada in un’Austria intrisa di perbenismo e ipocrisia. Per vedere le immagini e i riferimenti citati in questo episodio, mi trovate su Instagram https://instagram.com/pelo.nell.uovo?igshid=MmJiY2I4NDBkZg== e, se vi va, seguitemi per rimanere sempre aggiornati!
    19 min. 9 sec.

Oltre alla storia dell’arte dei grandi maestri, sistematicamente studiati e idolatrati, esiste anche un’altra storia: quella degli emarginati, dei sorvolati e quella delle cose non dette. Una narrazione disallineata, irrispettosa,...

mostra di più
Oltre alla storia dell’arte dei grandi maestri, sistematicamente studiati e idolatrati, esiste anche un’altra storia: quella degli emarginati, dei sorvolati e quella delle cose non dette.

Una narrazione disallineata, irrispettosa, altra per l’appunto… pronta a mettere in luce ciò che è sempre rimasto nel buio.

E per fare ciò, c’è un solo e unico modo possibile: raccontare, o forse essere, il Pelo nell’uovo.
.
.
.
INSTAGRAM: @pelo.nell.uovo
.
.
.
PER COLLABORAZIONI: pelo.nell.uovo.art@gmail.com
mostra meno
Contatti
Informazioni

Sembra che non tu non abbia alcun episodio attivo

Sfoglia il catalogo di Spreaker per scoprire nuovi contenuti

Corrente

Sembra che non ci sia nessun episodio nella tua coda

Sfoglia il catalogo di Spreaker per scoprire nuovi contenuti

Successivo

Copertina dell'episodio Copertina dell'episodio

Che silenzio che c’è...

È tempo di scoprire nuovi episodi!

Scopri
La tua Libreria
Cerca